Advertisement
L’ENDORSEMENT

"Lega e BürgerUnion assieme"

Bessone ringrazia Pöder per l’invito a votare il partito di Salvini. "Lo stimo, collaboriamo. Per le provinciali? Prematuro, ma vediamoci. Deluso dai Freiheitlichen".
Advertisement

“L’appoggio ci fa piacere, Pöder è una persona che stimo. Vedremo di sentirci e vederci nei mesi che verranno”. Massimo Bessone, commissario provinciale della Lega in Alto Adige e candidato nel collegio di Bolzano sud per il Senato, accoglie con favore l’endorsement del leader di BürgerUnion-Südtirol-Ladinien, che ha invitato i propri elettori (6.065 alle ultime provinciali) a votare il partito di Salvini alle politiche di domenica 4 marzo. Definito “il male minore” e valida alternativa alla “Gruselkoalition”, la coalizione “che fa rabbrividire” formata da Svp, Pd e lista Lorenzin (Pöder è un fiero avversario del decreto sui vaccini). Non solo, la Lega è anche la forza con cui la civica condivide “alcune posizioni importanti”, dall’immigrazione alla famiglia.

Bessone, che nel collegio Bolzano-Bassa Atesina fronteggia Gianclaudio Bressa (“Sarà dura, Svp e Pd sono molto forti” afferma) non può che gradire l’invito del consigliere provinciale che rappresenta un’area di centrodestra meno radicale rispetto alle destra tedesca di Südtiroler Freiheit e Freiheitlichen. L’esponente del Carroccio, vicepresidente del consiglio comunale a Bressanone, ha avuto modo di collaborare sul campo con Pöder durante la raccolta firme contro il decreto sui vaccini. “Mi hanno chiesto aiuto in quanto da vicepresidente posso convalidare le firme dei brissinesi. Ci siamo trovati anche con Hans Heiss dei Verdi, Markus Frei degli Ecosociali e Walter Blaas dei Freiheitlichen. Io non sono un medico per giudicare ma tutta questa obbligatorietà tutta d’un colpo mi lascia scettico”.

Bessone, Massimo

Massimo Bessone, commissario provinciale della Lega in Alto Adige e candidato nel collegio Bolzano e Bassa Atesina per il Senato.

Da ciò si spiega in parte la convergenza decisa dal consigliere provinciale per le politiche. BürgerUnion consiglia di votare candidati della Lega “come segnale forte contro la Gruselkoalition Svp/Patt/Pd/Lista Lorenzin”, anche perché votare in bianco darebbe “solo sostegno ai partiti di maggioranza”. La civica ha quindi deciso per il male minore, “das kleinste Übel”. Dato che la Lega è “l’unica forza che divide un paio di posizioni importanti di Bürger Union: per l’autonomia, per una politica decisa in materia di immigrazione e soprattutto per le famiglie”. Ed è anche contro il decreto Lorenzin sui vaccini.

Da sottolineare che nell’invito Poder ha escluso “forze fasciste o anti-autonomiste”. La Lega tuttavia, con il suo segretario Matteo Salvini, da tempo flirta con i movimenti di estrema destra, soprattutto CasaPound (a cui ha “rubato” lo slogan #primagliitaliani). Con il candidato premier Simone Di Stefano, oggi in regione, si è aperto un dialogo sulla composizione di un futuro governo. “Noi diciamo da sempre di essere contro ogni forma di violenza e fascismo – precisa Bessone –, però ci sono politiche che condividiamo con CasaPound. Penso ai respingimenti degli immigrati irregolari, alla certezza della pena, alla legittima difesa. Non il fascismo, ripeto, ma determinate politiche”.

Quanto a BürgerUnion, la porta è aperta. “Stimo Pöder e con lui possiamo collaborare per le politiche che condividiamo. Per le provinciali? È ancora prematuro, ma avremo modo di sentirci nei mesi che verranno. Diamoci da fare per i valori che abbiamo in comune. Ci teniamo a essere aperti a tutti e tre i gruppi linguistici. Tante volte parliamo di autonomia quando a scuola ai bambini italiani e tedeschi facciamo fare pause con orari diversi a ricreazione. Bisogna migliorare e con BürgerUnion si può collaborare”.

Diverso il caso della destra tedesca. “I Freiheitlichen – prosegue Bessone – mi hanno deluso dicendo di invalidare la scheda. Mi sembra un gesto sciocco, da loro mi aspettavo di più. Su Eva Klotz e i Südtiroler Freiheit posso capire che identifichino la Lega come elemento di italianità”.

Ma i voti in arrivo da Pöder serviranno alla Lega e Bessone? “Possono aiutare – conclude –, anche se con gli avversari del Pd è dura. Spero negli elettori Svp, che non sono sciocchi e non credo staranno al diktat del partito di votare Bressa e Boschi. Vedremo”.

Advertisement

Bitte melden Sie sich an, um Kommentare zu verfassen.

Kommentare

Bild des Benutzers alfred frei

Gruselkoalition oder kleinste Übel = Frankenstein oder Prometheus, alias CasaPound: gibt es eine Impfpflicht ?

Bild des Benutzers Alfonse Zanardi

Pöder passt perfekt zur Lega, Maximale Niedertracht, Minimale intellektuelle Leistung. Vielleicht sollte er auch moch mit Rosenkranz und Bibel auftreten wie Salvini.

+1-11
Advertisement